“Immondizie”. Diplomatico del Congo a Ginevra durissimo contro immigrati africani

Image

IMMIGRAZIONE – Serge Boret Bokwango, diplomatico del Congo a Ginevra: “Buona parte degli Africani che arrivano in Italia rappresentano l’immondizia dell’Africa. Non dovrebbero stare in Europa”.

Il membro della missione dell’Onu a Ginevra,Serge Boret Bokwango, ha diffuso una lettera aperta dai contenuti decisamente duri nella quale critica con fermezza alcuni suoi connazionali. In particolare si riferisce agli immigrati presenti nell’Italia meridionale e osserva lapidario:

L’Italia del sud non riceve solo le Immondizie del Nord ma anche Quelle dell’Africa (gli Africani immigrati, venditori ambulanti e mendicanti per le strade)”
Gli Africani che mi capita di vedere in Italia mentre vendono di tutto e di più e si prostituiscono- continua -rappresentano l’Immondizia dell’Africa. Questi uomini, venditori ambulanti sulle spiagge e per le strade delle città, non rappresentano in alcun caso gli Africani che vivono in Africa e si battono per la ricostruzione e lo sviluppo dei loro paesi. Mi chiedo perché i paesi dell’Europa autorizzino e tollerino la presenza di questi individui sul proprio suolo nazionale.

Forse per umiliare ancora una volta l’Africa o per distrazione? Provo un forte sentimento di onta e di rabbia nei confronti di questi Africani immigrati che si comportano come ratti che infestano le città. Provo forti sentimenti di onta e rabbia anche nei confronti dei Governi Africani che favoriscono le partenze di massa dei loro rifiuti verso l’Italia, l’Europa e l’Arabia. Reagiamo!!”


SN

Annunci

4 commenti on ““Immondizie”. Diplomatico del Congo a Ginevra durissimo contro immigrati africani”

  1. mcc43 ha detto:

    Notizia del 07/06/2011,, per esempio su http://www.julienews.it/notizia/dal-mondo/il-rappresentante-congolese-dellonug-duro-contro-alcuni-africani-residenti-in-italia/206125_dal-mondo_2.html
    variamente ripresa in questi giorni, come fatto nuovo, Chissà perchè… 🙂
    Le parole di questo signore si squalificano da sole agli occhi chiunque. Accetteremmo che qualcuno parlasse di “Europei” assimilandoci tutti neli comportamenti? Tutti mafiosi e tutti ubriaconi da oktober fest? Razzismo e niente più, perchè non è prerogativa della pelle bianca esserlo.

  2. Silvia ha detto:

    Buongiorno,
    Ti contatto tramite commento perché non ho trovato altro modo per farlo.
    Vorrei farti conoscere il servizio Paperblog, http://it.paperblog.com che ha la missione di individuare e valorizzare i migliori blog della rete. I tuoi articoli mi sembrano interessanti per i lettori del nostro magazine e mi piacerebbe che tu entrassi a far parte dei nostri autori.

    Sperando di averti incuriosito, ti invito a contattarmi per ulteriori chiarimenti,

    Silvia

    silvia [at] paperblog.com
    Responsabile Comunicazione Paperblog Italia
    http://it.paperblog.com

    • saragio ha detto:

      #saragio #kyenge #governo #italia
      Ineffabile Ministro Cécile Kyenge che dopo lo ius soli, dopo la casa ai rom, propone l’abolizione del reato di clandestinità che, presente in tutta Europa, presente in tutto il mondo, sparisce solo in Italia: la motivazione della ineffabile è addirittura incredibile “bisogna ringiovanire l’Italia”! Questa signora non capisce che in presenza di una maggioranza di italiani che soffre, che ha difficoltà a combinare il pranzo (quando c’è) con la cena (quando c’è), è per lo meno offensivo immaginare posti di lavoro per gli stranieri quando non  ce n’è per noi. Senza contare il problema, gravissimo, della criminalità che “accompagna” necessariamente questo maggior flusso di poveretti. L’altro giorno la Germania “apre” le sue frontiere ai profughi siriani purché “cristiani” purché tecnici e/o laureati, purché …. ariani! In Australia, Paese estremamente vasto, ricco e scarsamente popolato, pone dei paletti ed impone dei controlli capillari: solo due esempi ma significativi, soprattutto se si pensi alla criminalità che, secondo la Kyenge, non è in relazione con gli immigrati. A questo punto bisogna capire se la signora è bugiarda o non è informata: in ogni caso se ne deve andare. I dati del Ministero degli Interni, sono impietosi: l’ultimo “Rapporto sulla criminalità” rilasciato dal Viminale è preoccupante: “c’è una tendenza alla crescita della percentuale di stranieri sul totale dei denunciati come presunti autori reati. Una crescita d’altronde prevedibile sulla base del forte aumento degli stranieri in percentuale alla popolazione”. Il tentato omicidio: su 100 denunciati per il reato, nel 1988, 6 erano immigrati. Ma nel 2006 ad esempio la quota sale vertiginosamente a31. Per quanto riguarda invece l’omicidio consumato, nel 1988 solo 5 immigrati su 100 denunciati erano accusati del reato. Nel 2006 invece la percentuale sale al 32 per cento. Insomma ora gli stranieri accusati di omicidio sono uno su tre denunciati. Oggi per rapina o furti in abitazione gli stranieri sono il 51%, mentre per rapina su strada il 45%; truffe 29%, estorsioni 19%, violenze sessuali 39%, omicidi consumati 36%, tentati omicidi 31% lesioni dolose 27%. Infine la Kyenge dovrebbe sapere
      che il 74 per cento degli stranieri denunciati per omicidio è senza permesso di soggiorno. Ma non finisce qui perché anche il 62 per cento dei denunciati per lesioni e il 61 di stranieri denunciati per rissa è senza per messo. Tutti noi, prima di parlare dovremmo informarci: un ministro dovrebbe farlo prima e meglio di tutti noi altrimenti è inadatto al ruolo o mente: ai lettori la conclusione.
      Elio Bitritto per quiquotidiano.it – https://www.facebook.com/saragiotatti


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...