RIFLESSIONI SUL MOMENTO POLITICO IN ITALIA.

RIFLESSIONI SUL MOMENTO POLITICO IN ITALIA.

Poveri cittadini Italiani, non capisco tutto quest’entusiasmo e consenso che è posto nei confronti del Sig. Mario MONTI, probabile nuovo Presidente del Consiglio dei Ministri e futuro “rottamatore” del paese Italia.

314879_3164662930601_453801769_n

Per chi non è informato o fa finta di non saperlo, il rottamatore ha fatto parte della banca GOLDMAN SACHS, che è l’Istituto bancario messo dai poteri forti per fare i loro interessi in Europa, nonché ex Commissario Europeo per la concorrenza ed il mercato interno.
Questo signore, ex rettore e docente presso l’università Bocconi di Milano, non ha mai spiegato ai suoi allievi d’economia, la vera questione sul “Signoraggio”, che non è altro il compenso che trae chi detiene il potere dell’emissione della moneta, in questo caso la BCE (Banca Centrale Europea).
Per vostra informazione la BCE, come la Banca d’Italia, sono Istituti privati e non pubblici.
L’assurdo è che noi cittadini compriamo la “nostra“ moneta dalla BCE, non vi sembra una cosa molto strana che noi dobbiamo pagare un bene che già ci appartiene?
Il debito pubblico non esiste, è una vera truffa che è perpetuata nei confronti dei cittadini e taciuta dalla convivente classe politica, i camerieri dei poteri forti.
Per approfondire la questione, basta andare su You Tube, digitando “signoraggio” troverete diversi video che potranno illuminarvi, o andare a leggere il libro Euroschiavi, scritto da Marco Della Luna e Antonio Miclavez e pubblicato da Arianna Editrice.
Nel prossimo futuro il nuovo Governo, espressione della BCE, incomincerà a tagliare la sanità, le pensioni, a licenziare i dipendenti pubblici, ad aumentare le tariffe pubbliche e le tasse in modo da travasare i soldi dei cittadini ( risparmiati e accumulati lavorando con molta fatica e sacrifici) nelle casse dei poteri forti, con la scusa di pagare il debito pubblico che non esiste.
Sono molto indignato con quei partiti che dicono di essere a difesa degli operai e delle classi sociali più deboli, ma poi si comportano in modo contrario, proponendo e sostenendo e votando un Governo presieduto da una persona espressa dei poteri forti.
Verrà un giorno che a questi politici sarà presentato il conto, come la storia (anche recente) c’insegna.
Non fidatevi di quei Guru che imperversano in tutte le televisioni e scrivono sui giornali, definiti esperti economici, che difendono le manovre richieste dalla BCE, perché sono sul libro paga della stessa banca.
Tutta, o quasi tutta, l’informazione è controllata dai poteri forti, quindi non troverete nessuno che vi parli o tratti e spieghi il signoraggio, questo potrete trovarlo solo sulla rete, dove c’è l’informazione libera.
In futuro perché dobbiamo andare a votare ed eleggere dei finti parlamentari senza poteri, se poi in parlamento sono obbligati a fare tutto ciò che la banca centrale impone, sarebbe logico lasciarli a casa e risparmiare i loro salatissimi stipendi e privilegi.
Sarebbe clamoroso se fosse nominato ministro quel sig. che in passato fu soprannominato il dott.”Sottile”, che percepisce una pensione di oltre quarantamila euro mensili, se poi contribuisse al taglio delle pensioni dei cittadini comuni, che non hanno potuto fare il cumulo di più pensioni, a differenza di lui e di altri pochi eletti facenti parte della casta.
Il pensiero di un cittadino libero.

Bordano, lì 12-11-2011.
IL LIBERO PENSATORE

_______

presidentepensieroso

  • UN ANNO DI INUTILE MACELLERIA SOCIALE
    Il patto è rotto, l’accordo mai ufficializzato tra Silvio Berlusconi e Giorgio Napolitano non ha retto.
    Berlusconi aveva a…

    bdicato in cambio di impegni ben precisi da parte del capo dello Stato, ed in nome di questi impegni aveva pure, obtorto collo, assicurato piena stima e attestati di fiducia al Governo Monti.
    In nome di questo accordo, il cavaliere era diventato irriconoscibile, l’abbiamo visto avallare manovre e manovrine, provvedimenti e decreti, assolutamente inaccettabili per quella che è la sua cultura politica, ma soprattutto per il suo senso
    di impresa, di economia, di società.
    Non sapremo mai con precisione i termini di quegli accordi, anche se immaginiamo garantissero tranquillità per le sue imprese, un più basso profilo sulla persecuzione giudiziaria che l’avevano accompagnato per tutta la sua vita politica, e non ultimo provvedimenti, sopportabili, pur se duri, per gli Italiani.
    Ma si sa gli impegni vengono mantenuti fin quando non ci si fa l’idea che l’avversario è ormai fuori gioco.
    E qui è cascato l’asino, anche Napolitano, come Fini prima, non hanno il senso del ritmo, non sanno calcolare l’attimo, mancano di tempismo.
    Un Fini tempista, un Fini calcolatore, un Fini, diciamolo pure, intelligente, avrebbe aspettato i tempi giusti ed oggi sarebbe lui il presidente del consiglio in pectore per il centro destra.
    Invece la fretta, l’approssimazione, l’ignoranza politica, l’hanno catapultato anzitempo in scelte infelici che lo hanno visto, prima utile idiota al servizio di una certa magistratura per arginare le riforme della giustizia, e lo vedono ora un uomo dello 0,niente %.
    Tornando a Napolitano, stesso problema, la mancanza di tempismo, troppa fretta di chiudere la partita, serviva ancora qualche settimana di pazienza, ma la fretta ha fatto saltare il tavolo.
    Ecco allora che Berlusconi, tradito sulle garanzie che aveva avuto per sue aziende, incalzato, nonostante la sua uscita di scena, dalla magistratura, sollecitato dai suoi sostenitori nello staccare la spina al governo dei carnefici… ha tratto le dovute conseguenze.
    Attenzione però, lui nella tempistica è un maestro, quale momento migliore, se non questo: Napolitano indebolito dalla questione intercettazioni “Stato-Mafia” ed un Monti indebolito dalle sue scelte inadeguate, da un economia che arranca e dalle gaffe a raffica dei suoi Ministri.
    Insomma forse è arrivata, finalmente, la fine di questo assurdo Governo che, oltre che aumentare le tasse, non ha saputo fare altro.
    Un governo che spero trascini con se nel precipizio , tutti i suoi sostenitori, Casini e centristi in testa, che hanno dimostrato con una dichiarazione dietro l’altra, quanto poco ne capiscono di economia reale, e quanto, invece, stavano solo cercando un posto al sole per il loro squallido futuro.
    La tecnocrazia ha dimostrato quanto la politica, anche la peggiore, valga più di qualunque burocrate.
    Pensate che in questi mesi abbiamo assistito a decreti che ribaltano sentenze della magistratura, abbiamo visto ministri, come la Fornero, promuovere provvedimenti dimenticandosi di centinai di migliaia di esseri umani: gli esodati.
    Abbiamo abbandonato i nostri Marò nelle mani degli Indiani, per l’inefficacia del ministero degli esteri, abbiamo visto ordinare la distruzione di intercettazioni telefoniche, per impedirci di capire la storia delle stragi per mafia degli ultimi decenni.
    La mancanza di politica non ha portato nulla di buona, salvo l’aver fatto capire a tutti, che proprio perché indispensabile, la politica va affidata solo a gente onesta e capace.
    Alla fine, solo Berlusconi saprà veramente perché ha staccato la spina, e se così sarà, sarà stato sempre troppo tardi !!!
    Giorgio Terzo Catalano
    _______
    di qui non si passa
Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...