| ITALIA | PROMUOVERE LA LIBERTA’ E IL DIRITTO DI CRITICA

http://wp.me/p1kI8i-eR

Partecipare alla politica del nostro paese. Per Berlusconi Presidente.

Informare, creare, sondare le opinioni, analizzare nuove proposte, sviluppare e scegliere i nostri rappresentanti. Pur ripetendo da anni, e come dopo l’ennesima batosta nella tristezza di aver avuto ragione, non mi arrendo:
Bisogna costruire tramite INTERNET una destra decisa.
Attenzione, non è tutto oro quel che luccica, neanche su Internet.
No ai cortigiani “intelligenti-assenteisti” senza idee proprie che non conoscono il dialogo e vivono solo di denigrazione e d’ insulti come i sinistri. Non abbiamo bisogno di aggressività gratuita controproducente. Per loro lo scambio d’idee non esiste? Basta anche con la politica pappamolle. Il paese è completamente bloccato. La scopa vecchia, la politica del voler accontentare tutti, sinistri inclusi, si è consumata. Una politica ferrea, ecco quello che occorre per salvare l’Italia.
Una destra moderata indipendente, attiva e risoluta, nata dal cittadino informato e consapevole nell’interesse dell’ Italia.
mai subire

TEMATICA – Economia – Disoccupazione – Pmi – Immigrazione –Energia – Sviluppo – Cultura – Risparmio – Federalismo – Riforme – Innovazione – Internet – Burocrazia – Efficienza–-Sanità – Pensioni – Sicurezza –Turismo – Agricoltura – Caccia – Ambiente –Benessere – Salute –Ricerca – Istruzione – Giustizia – Politici – Europa – Esteri – Umanitario – Libia.

DIRITTO DI CRITICA

…Settimana scorsa, quando il popolo del copia-incolla era al massimo della sua creatività con culetti che invitavano all’astensionismo controproducente e al mare, trattando di coglioni chi cercava di parlare seriamente del nucleare obsoleto e lesivo e dell’importanza del voto, una signora mi ha detto: “Ah, hai anche un sito, come i sinistri… ”
Visto le dichiarazioni del nostro governo anche l’ultima batosta non ha insegnato niente. Rimangono sulle loro posizioni ormai bocciate. Distante dalla volontà dell’elettore, dai diritti fondamentali, dall’intereresse economico e occupazionale ma *…! **…!
La politica non si fa più dai salotti bene e dai forum televisivi. Quando la destra capirà che l’informazione e internet sono essenziali, il vero cambiamento ?
Ma l’opinione dell’italiano quanto conta? Forza Silvio ma non senza di noi, non abbiamo firmato in bianco.

ROMA NELL’800
di Giuseppe Gioacchino Belli
(Roma, 7 settembre 1791 – Roma, 21 dicembre 1863)
A noi ce sarveranno le mignotte

Mentre ch’er ber paese se sprofonna
tra frane, teremoti, innondazzioni
mentre che so’ finiti li mijioni
pe turà un deficì de la Madonna.

Mentre scole e musei cadeno a pezzi
e l’atenei nun c’hanno più quadrini
pe’ la ricerca, e i cervelli ppiù fini
vanno in artre nazzioni a cercà i mezzi

Mentre li fessi pagheno le tasse
e se rubba e se imbrojia a tutto spiano
E le pensioni so’ sempre ppiù basse

Una luce s’è accesa nella notte.
Dormi tranquillo popolo itajiano
A noi ce sarveranno le mignotte

Rino Gaetano – Nun Te Reggae Piu’

Trilussa

L’ ELEZZIONE DER PRESIDENTE

(1930)
Un giorno tutti quanti l’animali
Sottomessi ar lavoro
Decisero d’elegge’ un Presidente
Che je guardasse l’interessi loro.

C’era la Societa de li Majali,
La Societa der Toro,
Er Circolo der Basto e de la Soma,
La Lega indipendente

Fra li Somari residenti a Roma,
C’era la Fratellanza
De li Gatti soriani, de li Cani,
De li Cavalli senza vetturini,
La Lega fra le Vacche, Bovi e affini…
Tutti pijorno parte a l’adunanza.

Un Somarello, che pe’ l’ambizzione
De fasse elegge’ s’era messo addosso
La pelle d’un leone,
Disse: – Bestie elettore, io so’ commosso:
La civirtà, la libbertà, er progresso…
Ecco er vero programma che ciò io,
Ch’è l’istesso der popolo! Per cui
Voterete compatti er nome mio… –

Defatti venne eletto propio lui.
Er Somaro, contento, fece un rajo,
E allora solo er popolo bestione
S’accorse de lo sbajo
D’ave’ pijato un ciuccio p’un leone!

– Miffarolo!… Imbrojone!… Buvattaro!…
– Ho pijato possesso,
– Disse allora er Somaro – e nu’ la pianto
Nemmanco si morite d’accidente;
Silenzio! e rispettate er Presidente!

GEOTERMIA

La Toscana ha cominciato il suo cammino “elettro-sostenibile” diventando oggi la regione italiana con la maggior potenza geotermica installata (842 MW). Attualmente conta in servizio 34 centrali, che producono circa il 10% dell’energia geotermica mondiale.
L’area geotermica, concentrata soprattutto tra le province di Pisa, Grosseto e Siena, con le sue 34 centrali in servizio, produce attualmente oltre 4 miliardi di kilowattora l’anno.
..
Uno studio condotto dal Massachusetts Institute of Technology afferma che la potenziale energia geotermica contenuta sul nostro pianeta si aggira attorno ai 12,6 x 10^24 MJ e che con le attuali tecnologie sarebbe possibile utilizzarne “solo” 2000 ZJ. Tuttavia, poiché il consumo mondiale di energia ammonta a un totale di 0,5 ZJ all’anno, con il solo geotermico, secondo lo studio del MIT, si potrebbe soddisfare il fabbisogno energico planetario con sola energia pulita per i prossimi 4000 anni rendendo quindi inutile qualsiasi altra fonte non rinnovabile attualmente utilizzatata. Il futuro dovrebbe essere questo.

Qui bisogna iniziare a parlare di ricerca, di posti di lavoro, non di bustarelle.

Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...