-OPINIONE DELLA LIBERTA’


Ora, dopo che il materiale (mox, uranio e plutonio) fuso è caduto dal contenitore primario, dovrebbe essere entrato in contatto col vassel: una piscina piena di acqua per raffreddare il sistema. Ruffati ha seri dubbi che ci sia ancora dell’acqua in questo strato. Dopo questo strato, il materiale radioattivo buca il cemento e finisce con l’entrare in contatto col suolo, disperdendosi nell’ambiente: “Peggio di quel che è successo a Chernobyl, dove c’è stato rilascio di radiazioni più che altro nell’aria, e peggio di Three Mile Island, lì il nocciolo è rimasto nel contenitore secondario e lo stanno ancora raffreddando. Si rischia di dover sfollare qualche decina di milioni di giapponesi”.
I rischi per il mondo sarebbero altissimi e presto cominceranno a morire le persone per le radiazioni: “I tecnici che abbiamo visto in tv al lavoro nella centrale hanno ancora pochi giorni da vivere” afferma Ruffati. Infine, ci sarebbero “scatolette con pastiglie di uranio arricchito” finite chissà dove a causa delle esplosioni che si sono susseguite nei reattori della centrale: “È roba che uccide un uomo in un’ora, ma bisogna trovarle, senza acqua di raffreddamento vanno in fusione anche quelle”.

Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...