NO alla guerra


NO FLY ZONE vuole dire di impedire a Gheddafi di usare l’aviazione,

Ribelli libici civili?

Non di permettere all’aviazione e marina francese, inglese e americana di allenarsi e inviare missili a destra e a manca.

Il Messaggero-ROMA – A poco più di 24 ore dall’inizio dei bombardamenti sulla Libia, prime crepe nell’alleanza anti-Gheddafi. Lega araba e Unione africana esprimono critiche e distinguo rispetto agli attacchi di Francia, Usa e Gran Bretagna.

I raid aerei internazionali non sono quello che avevamo chiesto e cioè l’imposizione di una no fly zone a protezione dei civili: la presa di distanza è venuta da Amr Mussa, segretario generale della Lega Araba, lo stesso organismo che poco più di una settimana fa ha dato il suo via libera a una no fly zone. Mussa ha reso noto di avere avviato contatti con i paesi arabi per convocare una nuova riunione straordinaria dedicata alla crisi libica. Fonti della Lega hanno fatto sapere che la decisione verrà presa anche alla luce di due colloqui che Mussa avrà nella giornata di domani, il primo col segretario generale dell’Onu Ban Ki Moon e il secondo col ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov, entrambi in visita al Cairo da questa sera.


SEGUE

Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...